CHERATITE

Sintomi, Cause e Cura.

La cheratite è un’infiammazione alla corneacheratite sintomi cause-foto1 (la membrane che ricopre l’iride e la pupilla), solitamente di origine infettiva. È un’infiammazione che talvolta può provocare anche molto dolore.
Alcuni tipi di cheratite, le più forti, possono lasciare delle cicatrici che renderanno parti della cornea non perfettamente bianche, e che talvolta possono ridurre la capacità visiva.
Per poter agire con una cura efficace è necessario identificare il problema e capirne la causa scatenante, per poter risolvere con la cura più adeguata.

SINTOMI

I sintomi della cheratite sono sempre ben visibili. Inizia solitamente con un forte dolore al bulbo oculare, accompagnato da rossore, lacrimazione abbondante, offuscamento alla vista e fotofobia (intolleranza alla luce). Talvolta il paziente può lamentarsi della sensazione di avere un corpo estraneo nell’occhio e che il dolore sia talmente forte da impedire la sua apertura.
Se non viene curata, questa infiammazione può portare a gravi conseguenze, tra cui anche la perforazione della cornea.
Esistono vari tipi di cheratite, la distinzione viene fatta in base all’azione scatenante, oppure alla parte della cornea coinvolta:

  • Infettiva: causata da virus;
  • Traumatica: causata da un trauma;
  • Superficiale: colpisce lo strato superficiale della cornea;
  • Interstiziale: colpisce lo strato più profondo della cornea.

CAUSE

Non sempre la cheratite è di origine infettiva, a volte può essere anche effetto di un trauma chirurgico o causata da corpi estranei che raggiungono l’occhio.
Questa malattia può colpire chiunque, ma è più frequente che si manifesti nei pazienti affetti da malattie autoimmuni (come l’HIV) o in generale nei pazienti gravemente deperiti.
Il trauma all’occhio, invece, può anche essere dato da un cattivo utilizzo delle lenti a contatto.
La cheratite può inoltre essere causata anche da luci ultraviolette troppo forti a cui si rimane esposti per molto tempo, oppure da agenti chimici come acidi, che se entrano a contatto con l’occhio possono generare questo tipo di problema.
L’occhio può contrarre questa infiammazione anche a causa di agenti infettivi, tra questi troviamo:

  • Virus: i più coinvolti sono l’Adenovirus, l’Herpes simplex (che va a causare quella che viene chiamata cheratite erpetica) e l’Herpes zoster;
  • Batteri;
  • Funghi;
  • Parassiti: in particolare le amebe, che colpiscono maggiormente chi porta le lenti a contatto.

Nel caso l’occhio contragga questa infiammazione a causa di un virus o di un battere è probabile che il corpo del paziente sia già debilitato e le difese immunitarie siano basse, questo favorisce il rischio di infezione.
Altri fattori di rischio possono risultare l’alcolismo e il diabete.

CURA

È innanzitutto necessario capire se si tratta di questa infezione, questo avviene attraverso un test degli occhi (della congiuntiva, delle palpebre e della cornea). La causa, invece, può essere identificata solamente attraverso esami microbiologici, in base ai quali è poi possibile decidere la cura più adatta.
Una volta individuato l’agente scatenante sarà opportuno tenerlo lontano dalla persona infetta e mantenere sempre controllata l’infiammazione, perché non peggiori nuovamente.

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

Vediamo ora i vari trattamenti:

  • Se si tratta di cheratite dovuta ad un trauma (come ad esempio ad un utilizzo sbagliato delle lenti a contatto) sarà opportuno agire sull’occhio con delle pomate antibiotiche, in modo da evitare che l’infiammazione peggiori e l’occhio diventi più vulnerabile alle potenziali infezioni batteriche;
  • Se è dovuta al troppo utilizzo di farmaci a base di cortisone è necessario sospenderne l’utilizzo;
  • Per le infiammazioni dovute all’esposizione prolungata a raggi ultravioletti bisogna procedere con l’utilizzo di farmaci cicloplegici, in modo da rilassare il muscolo ciliare;
  • Nel caso di secchezza oculare è consigliato l’uso di collirio;
  • Se invece è causata da una malattia autoimmune l’unico modo per curarla è con l’utilizzo di collirio a base di cortisone, inoltre, per diminuirne l’intensità è utile agire sulla malattia stessa, e non sull’infiammazione;
  • Cheratite infettiva: in base al battere che la causa esistono diversi tipi di soluzione, è inoltre importante agire subito perché questo tipo di infiammazione tende a peggiorare velocemente nel tempo. In base al tipo di infezione possono essere usati: farmaci antibiotici, antivirali o antifungini.

COME PREVENIRE LA CHERATITE

Esistono dei modi per prevenire questa infezione: la maggior parte consistono nel prestare attenzione a determinate situazioni.
Per le infezioni virali bisognerebbe evitare di venire a contatto con gli agenti che la possono scatenare, per questa ragione è importante evitare di mettersi le mani negli occhi, soprattutto nel caso si abbia contratto l’Herpes labiale.

È poi molto importante fare attenzione alle lenti a contatto, che sono una delle principali cause di questa infiammazione:

  • Fare attenzione a non toccare le lenti con le mani sporche e preferire quelle usa e getta perché meno a rischio di infettarsi;
  • Fare attenzione a non rovinare o graffiare le lenti;
  • Non utilizzarle in piscina;
  • Non dormire con le lenti addosso;
  • Evitare di mettere lenti a contatto non giornaliere quando si presenta l’infezione, per evitare che diventi cronica.

Per quanto riguarda invece i traumi dovuti a raggi ultravioletti è sempre consigliato usare degli occhiali da sole, che possono aiutare a prevenire questo problema; per chi invece soffre di occhio secco è consigliabile usare spesso le lacrime artificiali.

Ti potrebbe interessare

  • RETINITE PIGMENTOSARETINITE PIGMENTOSA La retinite pigmentosa è una malattia appartenente ad una famiglia di patologie a carattere ereditario accomunate dalla progressiva degenerazione delle retine oculari. Le conseguenze più […]
  • CHERATOCONOCHERATOCONO Il cheratocono è una deformazione centrale conica della cornea, cioè il tessuto curvo e trasparente nella parte anteriore dell’occhio. Se colpita da questa patologia, la cornea tende ad […]
  • XANTELASMAXANTELASMA Si può ricondurre l’origine dello xantelasma alla più grande famiglia dello “xantoma”, ovvero la patologia che comprende tutte le manifestazioni visibili di accumulo di grasso, o […]

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

Al momento non ci sono commenti

Show Buttons
Hide Buttons