GONFIORE DI STOMACO

Cause e rimedi per un disturbo molto fastidioso.

Il gonfiore di stomaco è ungonfiore di stomaco cause rimedi-foto1 disturbo caratterizzato principalmente da dolore e gonfiore addominale. Questo disturbo può essere molto fastidioso e talvolta molto doloroso, fino ad andare a influire pesantemente nella vita quotidiana della persona che ne è affetta; di questo disturbo ne soffrono circa una persona su tre, in numero maggiore le donne, soprattutto a causa della sindrome premestruale.
Andiamo ora a vedere più nello specifico quali sono i sintomi del disturbo, le cause che possono portare a questo dolore e i rimedi più efficaci.

SINTOMI

Il gonfiore di stomaco è caratterizzato da dolore a livello addominale e gonfiore, talvolta può essere accompagnato da nausea e gonfiore intestinale, che può causare anche flatulenza. Questo disturbo si presenta maggiormente nei momenti successivi ad un pasto.
Le donne risultano essere i soggetti maggiormente colpiti, soprattutto nei giorni che precedono le mestruazioni.
Chi soffre di questo disturbo ha una sensazione costante di appesantimento e di diminuzione dell’appetito, inoltre non riesce a respirare profondamente a causa dei frequenti crampi dolorosi. Se non curato questo disturbo può cronicizzarsi, e può perciò causare ulteriori problemi, più difficili da curare e risolvere, per questo è consigliabile agire il prima possibile.

CAUSE

Le maggiori cause del gonfiore di stomaco sono state individuate nelle seguenti:

  • Ansia e stress: possono provocare tensione addominale e di conseguenza una cattiva digestione;
  • Cattive abitudini alimentari: questo include il troppo consumo di zuccheri raffinati e di carboidrati, il cibo dei fast food, le bevande molto zuccherate o cibi molto salati. Il consumo dei pasti in maniera troppo veloce potrebbe peggiorare la situazione, perché il cibo non viene correttamente masticato, come anche l’uso eccessivo di alcol e il fumo, ma anche l’ingerire troppa aria, soprattutto a causa del frequente utilizzo di gomme da masticare;
  • Patologie dell’apparato gastro intestinale: principalmente la celiachia, la sindrome del colon irritabile, la colite e l’intolleranza al lattosio (ma anche altre intolleranze o allergie) possono rallentare la digestione e creare gonfiore addominale. In questi casi è utile rivolgersi ad un medico che saprà suggerire la cura più adatta;
  • Sedentarietà: l’attività fisica aiuta nel combattere questo disturbo, mentre la sedentarietà peggiora la digestione e di conseguenza il gonfiore;
  • Assunzione prolungata di determinati farmaci (antidepressivi, antinfiammatori o antibiotici) che possono infiammare l’apparato gastro intestinale;
  • Sovrappeso: l’accumulo di adipe nella zona dell’addome può contribuire ad una cattiva digestione;
  • Ciclo mestruale: soprattutto nei giorni che precedono le mestruazioni, a causa dei cambiamenti ormonali.

Assieme al gonfiore di stomaco e al dolore dovuto, appunto, a questo disturbo, possono anche comparire nausee e gonfiori intestinali.

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

RIMEDI NATURALI

Per alleviare i dolori dovuti al gonfiore di stomaco è possibile utilizzare alcuni farmaci, oppure ricorre alle cure naturali.

Tra i rimedi naturali più efficaci troviamo:

  • Una corretta alimentazione: questo è il rimedio più importante ed efficace, in quanto una scorretta alimentazione potrebbe essere, appunto, la maggiore causa del gonfiore di stomaco. Principalmente è opportuno ridurre il consumo di zuccheri, soprattutto se raffinati: per dolcificare è perciò possibile utilizzare il miele o lo sciroppo d’agave.
    Potrebbe inoltre essere utile diminuire il consumo di carboidrati e dei lieviti e di aumentare il consumo di proteine.
    La frutta è meglio consumarla lontana dai pasti principali, le verdure meglio se cotte, perché più facilmente digeribili dal nostro organismo.
    Altri cibi da evitare sono: latte e formaggi, o altri cibi molto grassi o fritti, alcolici, caffè e bibite gassate, ma anche cibi troppo ricchi di fibre;
  • Esercizio fisico: tra le cause del gonfiore di stomaco troviamo la sedentarietà, per questa ragione sarebbe bene fare un po’ di esercizio fisico quotidianamente, sarebbero consigliati almeno trenta minuti al giorno. Inoltre l’esercizio fisico aiuta a tenere sotto controllo anche l’ansia e lo stress, che sono anch’esse aggravanti per il gonfiore di stomaco;
  • Depurazione mattutina: grazie ad alcune bevande, come per esempio un bicchiere d’acqua tiepida con un cucchiaino di succo di limone e uno di miele, è possibile ridurre i gonfiori, è sufficiente berlo a stomaco vuoto al mattino;
  • Carbone vegetale: si può trovare in farmacia o in erboristeria e aiuta con l’assorbimento dei gas di stomaco e intestino;
  • Alcune tisane ed infusi: soprattutto quelli a base di finocchio o anice (hanno potere sgonfiante), camomilla (aiuta a rilassare la muscolatura), ma anche la tisana allo zenzero o alla menta piperita, alla valeriana (per combattere l’ansia) o al tiglio (che è antispasmodico);
  • Masticazione lenta: meglio se a bocca chiusa, per evitare di ingerire troppa aria che potrebbe peggiorare la situazione;
  • Evitare di saltare i pasti: per evitare di irritare ulteriormente lo stomaco;
  • Per quanto riguarda il gonfiore di stomaco causato dall’assunzione di farmaci o da altre patologie è consigliabile rivolgersi ad un medico.

È inoltre opportuno, soprattutto se il disturbo è causato dallo stress, darsi del tempo per respirare e cercare di diminuire l’ansia. È quindi molto utile dedicare del tempo a sé stessi, per fare ciò che più si ama, per il rilassamento possono aiutare molto lo yoga, la meditazione o anche una semplice passeggiata. Altro consiglio molto utile è quello di allenarsi a respirare con il diaframma, per evitare di riempire ulteriormente lo stomaco di aria.

Il gonfiore di stomaco è un disturbo molto fastidioso ma che, se preso per tempo, può essere facilmente risolto, evitando la sua cronicizzazione. È poi consigliabile mantenere nel tempo le buone abitudini, anche dopo aver risolto questo problema, per fare in modo che non si ripresenti.

Ti potrebbe interessare

  • GASTRITEGASTRITE La gastrite è una tipologia di infiammazione molto diffusa e per questo molto conosciuta a livello mondiale, con un occhio di riguardo per le popolazioni occidentali. Questo può essere […]
  • REFLUSSO GASTROESOFAGEOREFLUSSO GASTROESOFAGEO Il reflusso gastroesofageo è quella sensazione di bruciore che si viene a creare solitamente dopo i pasti e provoca molto spesso anche una serie di fastidiosi rigurgiti acidi. In […]
  • COLITECOLITE La colite viene anche definita in modo più esteso come “sindrome del colon retto”, in riferimento specifico alla zona dell’intestino crasso che l’infiammazione va a colpire.

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

Al momento non ci sono commenti

Show Buttons
Hide Buttons