banner-linea-yago

La Pera Williams

Come misurare la massa di grasso corporea.

La famosa pera Williams è una varietà di pera tra le più diffuse a livello commerciale e certamente tra le più conosciute anche nel nostro Paese. A molti è meglio nota con il nome di pera “Bartlett” o “Bon Chretien”, ma per tutti rappresenta il frutto della pera di media dimensione e di colore verdastro presente nella maggior parte delle nostre case. La sua provenienza è molto probabilmente legata alla specie del Pyrus communis, il “pero comune”, la varietà di pianta di pero che cresce e si diffonde nelle zone centrali e centro-orientali d’Europa, ma anche in Medio Oriente e nel sud est asiatico. Le sue varie denominazioni derivano invece dai suoi diffusori principali, coloro che l’hanno fatta conoscere e ne hanno introdotto il commercio dopo la metà del XVIII secolo. La pera williams deve la sua grande fama anche alla sua grande adattabilità nella lavorazione dei prodotti quali estratti, succhi di frutta, liquori, marmellate.

ORIGINI DELLE PERE WILLIAMS

pera williams caratteristiche valori foto1Tutte le varietà del frutto della pera hanno avuto origine dalla pianta del Pyrus communis, appartenente alla famiglia delle piante Rosacee. Dalla matrice comune si sono poi sviluppate nel corso del tempo moltissime differenze e altrettante varietà di pera: ad oggi ne conosciamo un’infinità, che si possono distinguere in base alle dimensioni, in base al colore, in molti casi anche in base al sapore. La cifra stimata di tutte le specie di pera esistenti al mondo si aggira attorno alle 4000 unità, senza contare le numerose varietà che non si commerciano perché troppo selvatiche o difficili da reperire.

I primi a consumare e commercializzare la pera williams (al tempo non ancora nota con questo nome) furono gli Egizi, che la introdussero e la fecero conoscere anche alle popolazioni degli antichi Greci e degli antichi Romani. L’incremento del commercio della pera williams fu poi facilitato dai traffici di mercanti che collegavano Europa e Asia, lungo la via della seta, fino ad arrivare in Cina. La moderna pera williams deve però la sua attuale fisionomia di forma e colore ai vari esperimenti e incroci alimentari effettuati nel Seicento e nel Settecento in Europa, soprattutto in Inghilterra. Le prima testimonianze documentarie evidenziano la forte presenza di questo frutto nelle contee inglesi del diciottesimo secolo, in particolar modo nella contea di Berkshire. Qui un giovane imprenditore decise di spendere tutti i suoi risparmi per acquistare un lotto di terreni coltivati e puntare tutto sulla produzione e sulla vendita di questa varietà di pera, dandole il proprio nome, “William Pear”: nacque così la meglio nota pera williams.

La stessa scommessa imprenditoriale fu tentata il secolo seguente da un altro giovane di belle speranze, questa volta un americano, che a sua insaputa coltivava e seminava i semi della pera williams, ma non essendone consapevole decise a sua volta di dare il proprio nome a quella fortunata varietà di pera. Ecco spiegato il perché del secondo nome di questo frutto.

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

CARATTERISTICHE DELLE PERE WILLIAMS

Come tutti noi ben sappiamo, la pera è un frutto molto diffuso, facilmente riconoscibile per la sua forma allungata e per la sua colorazione variabile molto simile alla mela in questo aspetto. La pera williams è un frutto molto succoso, con un sapore molto dolce, specie se si trova in uno stato di maturazione piuttosto avanzato. Solitamente una pera williams è costiuita da una componente di polpa, all’altezza del mesocarpo, che ne caratterizza nella maggior parte dei casi il gusto e la consistenza, nonché la qualità del frutto stesso, in quanto può essere granulosa, burrosa, a volte persino croccante. Qualsiasi varietà di pera è ricoperta da una buccia che può essere di diversi colori, segno evidente della diversa specie di pianta da cui proviene: i colori più comuni per quanto riguarda la pera williams sono il verde “sporco” e il giallastro, con la polpa di un colore chiaro molto simile all’avorio. La stagione ideale per le pere williams è senza dubbio la mezza stagione a cavallo tra estate e autunno, nel periodo che va da inizio agosto a fine novembre. La pera williams è considerata però un frutto estivo, anche perché è perfetta come ingrediente nelle macedonie, così come arricchimento nei cocktail, in aggiunta quindi a bevande e dessert che consumiamo durante il periodo caldo, e che ci fanno inconsciamente collegare questo frutto alla bella stagione. Ma la pera williams è molto buona anche se mangiata come spuntino a metà mattinata o a metà pomeriggio: il suo gusto molto dolce e la bassa quantità calorica lo rendono un frutto ideale per chi vuole mantenersi in forma senza rinunciare al gusto. Allo stesso tempo non bisogna dimenticare che si tratta di un frutto molto delicato, che non va esposto a sbalzi di temperatura forti e che va consumato entro pochi giorni, proprio a causa della sua rapida maturazione.

VALORI NUTRIZIONALI MEDI DELLE PERE WILLIAMS

pera williams caratteristiche valori foto2Entrando nello specifico delle proprietà nutrizionali delle pere williams è giusto rimarcare la sue qualità ipocaloriche, si parla infatti di meno di 30 calorie per ogni etto, questo grazie anche alla grande quantità d’acqua che una pera contiene (più dell’80%). Una pera williams contiene una buona quantità di zuccheri semplici, come il fruttosio, che sono fondamentali per mantenere sempre pieno il “serbatoio” di energia del nostro organismo, troviamo inoltre la vitamina A, la vitamine B1, B2, B3, B5 e B6, e anche le vitamine C, D, K e J. Vanno inoltre sottolineate la grandi quantità di sali minerali che una pera williams può contenere: al suo interno abbiamo infatti potassio, ferro, sodio, fluoro, magnesio, calcio, e in mina percentuale anche rame e zinco. Come se non bastasse, la pera williams possiede anche un notevole quantitativo di fibre, circa il 17% del nostro fabbisogno quotidiano può essere ricoperto mangiando una sola pera, e di altri elementi con qualità antiossidanti. In conseguenza di tutte queste proprietà, la pera williams possiede delle ottime capacità diuretiche e risulta di facile digestione, come un alimento molto leggero. La grande quantità di potassio rende la pera williams, assieme alle banane, uno degli alimenti più adatti per sostenere una dieta iposodica mirata alla prevenzione di ictus e ipertensione.

Ti potrebbe interessare

  • MELE FUJIMELE FUJI Le mele Fuji che crescono in montagna hanno solitamente un sapore più forte e deciso rispetto a quelle che vengono coltivate in pianura. Vanno conservate preferibilmente in frigorifero e […]
  • NUTRACEUTICANUTRACEUTICA La nutraceutica è un termine dall’ ampio significato che viene usato per descrivere qualsiasi prodotto derivato da fonti di cibo che però comporta benefici per la salute, in aggiunta al […]
  • FUNGO MAITAKEFUNGO MAITAKE II fungo maitake (originalmente Grifola frondosa), noto anche come "testa di pecora", è un poliporo e che cresce di solito ai piedi delle querce. Oltre alla sua versatilità culinaria il […]

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

Al momento non ci sono commenti

Show Buttons
Hide Buttons

Su questo sito facciamo uso di cookies. I cookies tecnici sono obbligatori, ma tu puoi decidere se abilitare gli altri. Facendolo, ci aiuterai a offrirti un’esperienza migliore! Cookie Policy