banner-moyopet

Il Climaterio

Cosa succede al corpo dopo la menopausa?

Il climaterio ha uno stretto rapporto con i periodi temporali che riguardano la menopausa, sia precedenti che successivi a quest’ ultima. Come spesso accade anche l’ etimologia del termine è illuminante in tal senso, infatti il termine proviene dal sostantivo di origine graca “klimacter”, che letteralmente significa “scalino, passaggio”, ma inteso come passaggio critico e ricco di implicazioni. Queste fasi coinvolgono una serie di procedimenti fisiologici strettamente connessi alla dimensione psicologica: ad ogni sintomo corporeo succede una data conseguenza anche sul piano mentale, che può influire in modo significativo sul nostro quotidiano e sulla nostra vita sociale. Non si tratta di nulla di così grave visto che vi passano tutte le donne che raggiungono una certa età, ma non per questo il processo del climaterio va preso sotto gamba o snobbato. Tutt’ altro. Può essere molto utile quindi approfondirne gli aspetti peculiari e più evidenti.

L’ IMPORTANZA DELLA MENOPAUSA

Partiamo da una fase fisiologica inevitabilmente collegata alla fase del climaterio, ovvero la più nota menopausa. Purtroppo le nozioni riguardo questo periodo sono viziate da una conoscenza sommaria, per “sentito dire”, e solo in rari casi si è consapevoli di cosa realmente sta accadendo al fisico femminile arrivati a questo delicato momento. Queste informazioni travisate ci presentano la menopausa come un periodo tragico, duro da affrontare, al punto da provare imbarazzo per qualcosa di estremamente comune nel sesso femminile. Molte giovani donne però ignorano che la menopausa è semplicemente un protocollo di difesa attivato dall’ organismo con il fine di evitare la possibilità di una costante ovulazione (e di conseguenza di una gravidanza) in età troppo avanzate, cioè quando quando il fisico non sarebbe più in grado di sostenere un tale processo naturale e rischierebbe di compromettere seriamente la salute della madre oltre che quella della nuova vita al suo interno.

COME SI PRESENTA LA MENOPAUSA

I motivi per i quali il fisico femminile giunge a questa fase quindi sono più che giustificati, e comportano dei cambiamenti fisici non proprio latenti. In sostanza la menopausa si manifesta attraverso l’ interruzione delle consuete perdite dovute al ciclo mestruale, indicatrici della conclusione del cosiddetto “periodo fertile” che prima o poi colpisce tutte le donne. Secondo il normale sviluppo del sesso femminile una volte giunte attorno al 50esimo anno di età l’ ovaio comincia a non svolgere più correttamente il suo compito, in quanto il follicolo ovarico non riesce più a sintetizzare gli ormoni adibiti alla formazione e protezione della cellula uovo. La menopausa può però manifestarsi anche a seguito di cause esterne, quali l’ intervento chirurgico o di una specifica terapia medica piuttosto invadente.

COME SI PRESENTA IL CLIMATERIO

Il climaterio costituisce nel concreto tutti quei sintomi e quei postumi provocati proprio dalla menopausa, dal suo arrivo imminente e dal termine della sua influenza, anche se va chiarito che entrambi i fenomeni non si svolgono in tempi ristretti, ma sono un continuo susseguirsi di piccole variazioni del corpo che si protraggono per un periodo piuttosto prolungato. Solitamente infatti il climaterio ha una durata che spazia dagli 8 agli 11 anni circa di gestazione. Nella prima fase di questo processo si assiste alla diminuzione delle perdite mestruali, sempre meno invadenti fino alla totale scomparsa, entro un anno all’ incirca dal riconoscimento dei primi cambiamenti. Ma oltre a questo sintomo “principe” che permette il facile riconoscimento di cosa sta accadendo nel corpo femminile, possono concorrere diverse altri fattori, che mutano a seconda della paziente in questione, e possono toccare sia la sfera fisiologica che quella psicologica.

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

QUANDO SI PUO’ PARLARE DI SINDROME CLIMATERICA?

climaterio menopausa sintomi rimedi foto2Si può parlare di vera e propria sindrome quando questi sintomi secondari cominciano ad essere molto fastidiosi ed invadenti. Tra i più diffusi ci sono i famosi “colpi di caldo”, meglio noti con il nome di “vampate” di calore o anche come “caldane”. Queste improvvise alterazioni della temperatura corporea possono indurre ad una maggiore sudorazione, che, come si può ben comprendere, può risultare molto fastidiosa e fuori luogo, specie per il sesso femminile. Anche qui però va specificato che l’ intensità con cui si possono manifestare le vampate varia da donna a donna, a seconda del luogo, del proprio fisico, del proprio umore e così via. Passando ad un livello più profondo, e perciò meno comune, si possono riscontrare durante il climaterio una serie di forme patologiche tipiche di una vera e propria malattia: tra queste possiamo trovare l’ insonnia, il manifestarsi di emicranie frequenti, cefalee, secchezza delle parti intime, eruzioni cutanee. Oltre al livello strettamente fisico possiamo trovare delle conseguenze anche sul piano psichico, quali sbalzi d’umore frequenti, sensazione di stanchezza e stress costante, incompatibilità con il proprio partner o con i propri famigliari ed amici, insicurezza e nel peggiore dei casi anche la depressione.

COME “SOPRAVVIVERE” AL PERIODO DEL CLIMATERIO

Ironicamente parlando si può descrivere la menopausa come un periodo al quale bisogna sopravvivere, anche se in realtà, attraverso alcuni semplici accorgimenti, anche il climaterio può essere superato e vissuto con molta serenità. Il trattamento va ovviamente di pari passo con la persistenza (e anche l’ insistenza) dei sintomi: più si aggravano e si manifesta una sintomatologia acuta, più è importante un supporto medico, anche solo sul piano psicologico e della rassicurazione. Come ricordato nel paragrafo precedente subentrano le più svariate differenze da donna a donna, dalla dimensione sociale a quella culturale, per questo si consigli sempre di provare una terapia basata su interventi del tutto naturali. Oltre alla dieta sana e all’ attività fisica regolare (nei parametri di una donna di mezza età) si può ricorrere ad alcune piante ad esempio, come l’ agnocasto, oppure la salvia, che agiscono sul piano fisico-psicologico contemporaneamente. Infatti l’ assunzione di questi semplici prodotti naturali aiuta a regolarizzare i disordini mestruali e a controllare le conseguenze emotive da questi derivanti. Anche le piante ricche di vitamine, di ferro sono fondamentali per contrastare le possibili complicazioni del climaterio, altrettanto importante è l’assunzione di prodotti, sempre naturali, che contengano antiossidanti, acidi grassi, minerali, tutti elementi che contrastano lo squilibrio ormonale, uno di primi fattori che provoca i fastidiosi sintomi riportati in precedenza. La cosa forse più utile da ricordare sempre per una donna che si appresta ad affrontare questa fase della sua vita è non preoccuparsi in modo eccessivo e cercare di mantenere la uno stile di vita sano, poiché la cura più efficace comincia dal proprio equilibrio psicosomatico e dalla propria salute a priori di ogni cambiamento ormonale.

Ti potrebbe interessare

  • VAGINITEVAGINITE La vaginite è un’infiammazione dell’apparato genitale femminile prevalentemente di origine micotica, batterica o da Trichomonas vaginalis, la cui incidenza sembra oggi essere in costante […]
  • IL PAP TESTIL PAP TEST Il pap test è un esame citologico che va ad indagare se sono presenti alterazioni a livello del collo dell’utero, si tratta inoltre di un test di screening, che viene cioè effettuato in […]
  • PAPILLOMA VIRUSPAPILLOMA VIRUS I papilloma virus umani sono piccoli virus a DNA responsabili di processi proliferativi dei tessuti epiteliali squamosi. In tutto il mondo questi virus sono i principali agenti di […]

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

Al momento non ci sono commenti

Show Buttons
Hide Buttons

Su questo sito facciamo uso di cookies. I cookies tecnici sono obbligatori, ma tu puoi decidere se abilitare gli altri. Facendolo, ci aiuterai a offrirti un’esperienza migliore! Cookie Policy