Il Fiordaliso (o Centaurea Cyanus)

Quali sono le proprietà di questo fiore?

I fiori del Fiordaliso sono impiegati per la presenza in antociani e flavonoidi nelle infiammazioni a carico dell’occhio sotto forma di acqua distillata, infusi e compresse oltre che colliri e lavande, i fiori vengono spesso associati al meliloto e piantaggine nel trattamento esterno delle congiuntiviti. In cosmetica rientra nella formulazione di acque palpebrali e tonici per pelli delicate.

Infusi e cataplasmi al fiordaliso possono essere impiegati per pulire e rinfrescare parti delicate della cute e delle mucose. In passato l’infuso era utilizzato anche nel lavaggio del cuoio capelluto contro la forfora.

Nome comune: Fiordaliso

Famiglia: Asteraceae

Parte utilizzata: fiori

INFORMAZIONI UTILI

Costituenti principali:

  • antociani e flavonoidi
  • lattoni sesquiterpenici
  • composti polienici e poliinici
  • tannini e pectine

Attività principali:

Impiego tipico:

  • oftalmie

fiordaliso centaurea cyanus benefici foto1Il nome comune del centaurea cyanus è fiordaliso, una pianta erbacea dal fusto ramificato e coperto di foglie dall’aspetto allungato caratterizzate da un profondo aroma e da un fiore color blu, nella maggior parte dei casi, ma che può rivelarsi talvolta rosa o bianco. Il fiordaliso rientra tra i numerosi rimedi previsti dall’omeopatia, che utilizza solamente però i fiori blu del centaurea cyanus prima che diventino secchi, solitamente durante il periodo che intercorre durante i mesi estivi di punta quando il clima è particolarmente secco.

Oltre a servire per scopi decorativi il fiordaliso è considerato un ottimo tonico per la salute che lo rende ideale per svolgere sia trattamenti interni che esterni, raccomandato per malattie e condizioni di salute quali diarrea, problemi di natura urinaria, reumatismi e disturbi articolari se sfruttato sotto forma di infuso o lozione, mentre risulta efficace se applicato sulla pelle sotto forma di impacco per trattare infezioni cutanee, congiuntivite o vari tipi di ulcere.

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

Un altro suo impiego viene svolto sugli inestetismi della pelle, in modo da far fronte a rughe, eczemi ed acne e per evitare la formazione di ombre e macchie intorno agli occhi, visto che le sostanze attive del centaurea cyanus levigano la pelle della zona dove viene applicato, disintossicano l’epidermide e liberando i pori ostruiti dalle sostanze nocive presenti nell’aria.

Il fiordaliso in generale viene sfruttato dalla medicina omeopatica per trattare:

  • Febbre ed influenza
  • Disturbi legati al ciclo mestruale e sintomi legati
  • Infezioni di vario genere che possono colpire sia esternamente che internamente il corpo
  • Problemi digestivi come diarrea o stipsi
  • Problemi al fegato e disturbi alla cistifellea
  • Vari tipi di irritazione, anche agli occhi dove può essere applicato direttamente come una sorta di collirio.

Curiosità:

Una tradizione popolare vuole che il collirio di Fiordaliso convenga a chi ha gli occhi blu, mentre gli occhi scuri trarranno giovamento dai semi di piantaggine.

METODOLOGIE DI UTILIZZO DEL FIORDALISO

Ci sono diversi usi del fiordaliso come rimedio omeopatico, tra i più comuni troviamo sicuramente gli impacchi svolti con acqua calda che applicati topicamente sulla pelle possono migliorare l’aspetto e la salute della zona trattata.

Le maschere facciali con il fiordaliso sono parecchio comuni tra le donne che desiderano rendere la pelle del proprio viso più liscia e setosa: non dovete fare altro che mescolare un preparato con un cucchiaio di fiordaliso secco, un cucchiaio di panna acida, due di latte e uno di miele in combinazione con un tuorlo d’uovo ed una fialetta di vitamina A. Lasciate agire per almeno 30 minuti il composto in modo che possa agire sull’epidermide in maniera efficace.

Ti potrebbe interessare

  • FRAXINUS ORNUSFRAXINUS ORNUS La pianta di Fraxinus Ornus è un altro tipo di frassino che continene il mannitolo e che conferisce alla manna proprietà lassative, dolci, diuretiche ed osmotiche. È una sostanza che una […]
  • CARLINA ACAULISCARLINA ACAULIS La Carlina acaulis è il nome in latino del carciofo selvatico e fa parte della famiglia delle Asteraceae. La parte utilizzata per uso medico ed erboristico è la radice e viene usata per la […]
  • VITALBAVITALBA La vitalba è una pianta appartenente alla famiglia delle cosiddette Ranuncolaceae, una particolare classe di piante principalmente erbacee, quindi di dimensioni piuttosto ridotte e con […]

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

Al momento non ci sono commenti

Show Buttons
Hide Buttons

Su questo sito facciamo uso di cookies. I cookies tecnici sono obbligatori, ma tu puoi decidere se abilitare gli altri. Facendolo, ci aiuterai a offrirti un’esperienza migliore! Cookie Policy