La Parodontite

Come si forma quest' infezione?

Non ci sono moltissime persone che trovano piacevole andare dal dentista. In effetti le sensazioni che si provano quando ci si reca sono spesso dolorose, sia sul piano fisico sia quando arriva il momento di pagare il conto. Eppure ne vale la pena: la salute dei denti è molto preziosa per il benessere generale dell’individuo. Che siano stati i topolini o le fatine a portarsi via i nostri denti da latte, certo è che i denti permanenti non sono sostituibili. Bisogna quindi occuparsene nel migliore dei modi, prestando attenzione alla pulizia e allo stato della dentatura. Se notiamo qualcosa di strano, come ad esempio il sanguinamento delle gengive, è opportuno mettersi in allarme: potrebbe trattarsi di una patologia che va curata il prima possibile. La parodontite, se non viene diagnosticata ai suoi inizi, è una patologia che può creare seri danni alla cavità orale.

DI COSA SI TRATTA

parodontite infezione gengive parodonto foto1Nota nel linguaggio comune come piorrea, la parodontite viene anche chiamata malattia parodontale o parodontopatia. È una malattia dentale che va a colpire e a danneggiare il supporto dei denti. Il termine parodonto deriva dall’unione di due parole greche: parà, che significa attorno, e odòntos che significa dente.

Il parodonto, quindi, non è altro che l’insieme di tutte quelle strutture adibite al sostegno dei denti. Le gengive sono quei tessuti molli e rosei che circondano i denti e fanno da rivestimento per le ossa alveolari. Il piccolo solco fra dente e gengiva viene denominato solco gengivale. C’è poi il legamento parodontale, che si sviluppa intorno alle radici dei denti e si occupa di tenerle bene ancorate all’osso, cioè l’osso alveolare. L’osso alveolare è appunto un ulteriore elemento del parodonto, e consiste nel tessuto osseo attorno ai denti. C’è inoltre il cemento radicolare, un tessuto ricco di calcio che riveste la radice del dente all’esterno e dove fanno breccia le fibre del legamento parodontale.

Il parodonto nel suo complesso ha lo scopo di mantenere i denti saldamente attaccati al tessuto osseo, e di ammortizzare i colpi e le sollecitazioni a cui è sottoposta la dentatura (durante la masticazione, ad esempio). Questa funzione così importante è minacciata nella sua buona riuscita quando si soffre di parodontite, la quale è proprio un’infezione al parodonto.

La parodontite un’affezione da non sottovalutare, perché è difficile accorgersene tempestivamente ed intervenire, e può creare seri danni alla dentatura nel suo complesso.

I SINTOMI

Inizialmente, la parodontite è una malattia difficile da diagnosticare. Il soggetto che ne soffre, non provando dolore, non ha motivo di recarsi dal dentista: ecco l’importanza dei controlli periodici. Ovviamente uno specialista si accorgerebbe della presenza della patologia, perché attraverso una radiografia vedrebbe un’anatomia ossea non ottimale. Oppure, potrebbe misurare il solco gengivale e accorgersi di un’anomalia. Chi ne soffre in maniera inconsapevole potrebbe addirittura trovarsi a fare i conti con la perdita dei denti senza sentire dolore, ma prima di arrivare a questi estremi ci sono dei campanelli d’allarme da non tralasciare. Gengive infiammate e stranamente di colore rosso acceso, magari sanguinanti, sono il segnale che qualcosa non va. Se poi la mobilità dei denti aumenta e le gengive si ritraggono, è indispensabile rivolgersi ad uno specialista.

Altri sintomi possono essere un’eccessiva sensibilità al caldo e al freddo, o l’alitosi persistente. Non è possibile utilizzare un semplice antibiotico per combattere la parodontite, perché è una malattia polimicrobica, il che significa che coinvolge molte specie batteriche diverse, rendendo difficile individuare su quale concentrarsi. Inoltre, i batteri che proliferano nella bocca posso espandersi agli altri organi attraverso la mucosa. Sono così possibili delle infezioni a distanza, soprattutto nei soggetti che soffrono già di altre patologie (come il diabete) o che si trovano in uno stato particolare (la vecchiaia o la gravidanza, ad esempio).

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

COME DIFENDERSI

parodontite infezione gengive parodonto foto2Come sempre, prevenire è meglio che curare. Il trucco da tenere bene a mente, non solo per evitare la parodontite ma anche per amore e cura della propria persona, è un’accurata igiene dentale. Il parodonto, con il suo mix di tessuti ossei, legamenti e fibre, è un sistema chiuso e molto efficace per mantenere i denti ben saldi. C’è però un punto debole: il solco gengivale. Lì si possono annidare i batteri, trovando un bel posto riparato dove proliferare indisturbati. Proprio quello che bisogna evitare. In casa è necessario mantenere una buona igiene dentale, ma i batteri ammassati sono difficili da rimuovere con i mezzi tradizionali come filo interdentale e spazzolino. Subentra quindi la pulizia professionale, quella che avviene dal dentista con gli strumenti appropriati, per evitare che la placca diventi tartaro. Se lo sporco non viene eliminato, però, i batteri avviano processi infiammatori che finiscono per tramutarsi in gengivite. La gengivite è reversibile, ma se trascurata si iniziano a ledere le connessioni fra dente e gengiva. Il tessuto osseo dà i primi segnali di ritiro, formando uno spazio fra gengiva e dente chiamato tasca, ed è così che inizia la parodontite. Una buona igiene orale, quindi, è un aiuto determinante per evitare questa patologia. Senza dubbio, però, i batteri proliferano quando le nostre difese immunitarie non sono sull’attenti: quindi è positivo anche mantenere un buon livello di salute generale.

Prevenzione a parte, quando il danno è fatto bisogna correre ai ripari. Prima di tutto si elimina l’infezione, effettuando una profonda pulizia professionale delle radici, in specifico nelle tasche dove risiedono i batteri. Questa procedura, che prevede quattro sedute, si chiama levigatura reticolare. Avviene una volta alla settimana, o in alternativa in due sedute di circa tre ore, effettuate a distanza di un giorno. In ogni caso il risultato è una pulizia radicale. Degli antisettici a base di clorexidina vengono usati sia durante il trattamento che nei giorni successivi. Il paziente deve collaborare in modo attivo ad un’accurata igiene dentale ed evitare tutto ciò che può comprometterla, fumo compreso. Eliminata l’infezione, si procede a valutare e riparare i danni: potrebbero essere necessarie protesi, otturazioni, rimozioni dei denti troppo danneggiati. In seguito c’è la fase del mantenimento, dove si tiene monitorata la situazione per evitare che la parodontite si presenti di nuovo.

Ti potrebbe interessare

  • CURA DELLA PARODONTITECURA DELLA PARODONTITE Per la cura della parodontite esistono varie tecniche e purtoppo se non corretta, può evolvere in un problema molto serio. La malattia parodontale è un'infezione delle gengive. A questo […]
  • TARTAROTARTARO Il tartaro è un problema che colpisce molte persone. I dentisti lo devono fronteggiare giornalmente durante la cura dei loro pazienti. Solo alcuni, però, conoscono esattamente di cosa si […]
  • FISTOLA GENGIVALEFISTOLA GENGIVALE La fistola gengivale è una lesione provocata dal drenaggio di pus presente all’interno della cavità orale. Solitamente si manifesta esternamente attraverso un ascesso o una piccola ferita […]

Desideri pubblicizzare i tuoi prodotti con un articolo sponsorizzato o con un banner sul nostro sito?

Scrivi a info@lasaluteprima.it per ricevere maggiori informazioni!

Al momento non ci sono commenti

Show Buttons
Hide Buttons

Su questo sito facciamo uso di cookies. I cookies tecnici sono obbligatori, ma tu puoi decidere se abilitare gli altri. Facendolo, ci aiuterai a offrirti un’esperienza migliore! Cookie Policy